Nino D’Angelo

Ormaie Si a Mia

Nino D’Angelo

Si me putisse leggere int'o core, addo' nisciune mai ce po' trasi'.
Tu ce truvasse scrito ogni mumento, ca io annascuse dedicav a te.
E te vasavo d'int' a nu pensiero.
Vestute e fantasie stive cu me.
Ma ormai si a mia, si a mia sultanto tu si a mia,
e si te perdo me perdo addo' te pierde tu.
So ll'uocchie tuoje ca danne a luce all'uocchie miei,
e a d'int'a st'uocchie io vec sulamente a te.
Ca me dato o mare d'int'a na muntagna ca me dato o sole 'int'a sta serata
fatta sulo e te.
Pecche' si a mia, si a mia sultanto tu si a mia,
e a vita mia ormai appartene pure a te.


Sapiss a quantu tiempo sto aspettann, a quantu tiempo me mancate tu.
Ca si o putisse leggere ind'e mane, a vita mia nun a truvass chiu.
Ma tu e st'ammore nun sapiv niente.
Nun o sapive ca io campav e te.
Ma ormai si a mia, si a mia sultanto tu si a mia,
e quand io voglio io voglio sulamente a te.
So ll'uocchie tuoje ca danne a luce all'uocchie miei,
e a d'int'a st'uocchie io vec sulamente a te.
Ca me dato o mare d'int'a na muntagna ca me dato o sole 'int'a sta serata
fatta sulo e te.
Pecche' si a mia, si a mia sultanto tu si a mia,
e a vita mia ormai appartene pure a te.