Nino D’Angelo

Trentuno agosto

Nino D’Angelo

E si festeggiava la fine di un'estete,
sulla spiaggia l'ultimo lento si ballava,
era incominciato per gioco
ma avimm pazziato cu 'o fuoco,
che fridd che sento
c__muogliete 'e spalle,
ti amo...
E si fa pi? stanca la voce di chi canta,
na chitarra pare che cagne 'nmiezz 'o mare,
dimmi dove posso cercarti
quando avr? bisogno di te,
settembre ? vicino
tu parti dimanesto male...
Questo grande amore continuava a volare,
il tuo soffio, il vento, le mie mani, le ali
una pazza corsa e finire vestiti nel mare,
mentre 'o cielo ncielo se faceva chi? scuro,
tu t'alluntanave e io tremmavo 'e paura,
e come un bambino gridavo "non mi lasciare".
Ricordo 'e l'estate ca io tengo dint"a mente pe sempe,
lontano da te sto morenno e tu nun mi siente.
Mo l'estate ? vierno, senza te senza sole,
so passate 'e mise ma io nun cagne stagione,
pure 'o mare ha perzo 'o culore senza st'ammore
senza st'ammore...


E si festeggiava la fine di un'estate
quanti amori di acqua salata son finiti,
l'eco delle nostre promesse
il mio nome sopra i tuoi jeans,
e mo tutto questo nel fondo di un mare d'agosto...
Questo grande amore continuava a volare...
il tuo soffio, il vento, le mie mani, le ali
una pazza corsa e finire vestiti nel mare,
mentre 'o cielo ncielo se faceva chi? scuro,
tu t'alluntanave e io tremmavo 'e paura,
e come un bambino gridavo "non mi lasciare".
Ricordo 'e l'estate ca io tengo dint"a mente pe sempe,
lontano da te sto morenno e tu nun mi siente.
Mo l'estate ? vierno, senza te senza sole,
so passate 'e mise ma io nun cagne stagione,
pure 'o mare ha perzo 'o culore senza st'ammore
senza st'ammore...